Ven 21 Feb 2020

 HOME PAGE
 infopoint Torino
 CALENDARIO
 INIZIATIVE
 INCONTRI SCUOLA
 COSE FATTE
 CONTATTI
 ALTRI PERCORSI
 MAILING LIST
 AREA RISERVATA 



dettagli ricerca












dai bimbi della scuola Sabin di Rivoli






EMERGENCY Life Support for Civilian War Victims
Associazione umanitaria italiana per la cura e la riabilitazione delle vittime delle guerre e delle mine antiuomo
Coordinamento regionale dei gruppi di Alessandria, Arona, Alba, Biella, Borgosesia, Canavese, Cuneo, Lago d'Orta, Novara, Pinerolo, Santena, Torino, Verbania, Vercelli.



LE NOSTRE PROSSIME INIZIATIVE:
ULTIMO AGGIORNAMENTO: Venerdì 21 Febbraio 2020 ore 14:36


VEDI SOLO INIZIATIVE DEL GRUPPO DI


 
Legenda: gli appuntamenti con lo sfondo grigio non sono ancora confermati o non è ancora confermata la nostra presenza, ma vi invitiamo comunque a controllare di giorno in giorno anche gli altri che possono essere suscettibili di modifiche.
da Gio 30 Gen 2020 a Ven 28 Feb 2020
Dalle 14,00 alle 19,00
''ROVI DI MARE · Visioni di un orizzonte in bilico''
In memoria del 3 ottobre 2013 e di tutti i naufragi che seguirono
EMERGENCY INFOPOINT TORINO | C. Valdocco 3

Giovedì 30 gennaio 2020 alle ore 18, inaugurazione della mostra d'arte contemporanea ''ROVI DI MARE · Visioni di un orizzonte in bilico'' con opere di Petra Probst e Flavio Tiberti all'Infopoint EMERGENCY di TORINO.
Oltre 20 ingrandimenti fotografici sul mondo del mare, scatti di gioia e di dolore di un cammino di popoli senza fine. Un incastro di proposte di riflessioni, attraverso immagini di impatto immediato e fotografie silenziose e introspettive. Organizzata dai volontari di EMERGENCY Torino e dai due artisti Petra Probst e Flavio Tiberti, in collaborazione con Associazione Museo Nazionale del Cinema e GLOBAL RIGHTS. Quale premessa a un percorso di collaborazione tra il Museo diffuso della Resistenza e Emergency, alcune fotografie saranno esposte in Galleria delle Immagini, al Polo del '900'', presso la sede del Museo, dal 30 gennaio al 9 febbraio (martedì - domenica ore 10-18, giovedì ore 14-22, lunedì chiuso, ingresso libero).
All'inaugurazione presso l'Infopoint EMERGENCY alle ore 18, insieme agli artisti, interverranno Roberto Mastroianni, presidente del Museo Diffuso della Resistenza di Torino, Angela Vinci, referente del gruppo EMERGENCY di Torino e Paola Feo, responsabile coordinamento nazionale volontari di EMERGENCY.
A seguire un rinfresco per tutti i partecipanti.

Petra Probst e Flavio Tiberti, due artisti di lunga esperienza, sono partiti dallo scorcio del Mar Mediterraneo divenuto preziosa ispirazione per la loro ricerca artistica e, dopo Sciacca e Genova, giungono a Torino. Hanno scelto EMERGENCY per il suo coinvolgimento attivo, accogliente coi viaggiatori di ogni estrazione e migrazione, per esporre la mostra ''ROVI DI MARE. Visioni in orizzonti in bilico'', in cui il mare rappresenta un'allegoria dai confini fluttuanti.

L'esposizione bi-personale si compone di una ventina di ingrandimenti fotografici in parte su supporti fluttuanti, simili a vele che ritraggono il mondo intorno al mare. Una sorta di via crucis, nell'accezione di crocevia dell'eterno cambiamento. È luogo di passaggio, fonte di gioia e dolore: un simbolo di irrequietezza, di cammino di popoli, è la prova attuale e concreta dello sconvolgimento dei paesi, di società al confine tra la vita e la morte. Pur non mostrando immagini di cronaca lo sguardo è rivolto verso l'esodo epocale dei profughi sulle rotte del Mar Mediterraneo.

I due artisti presentano un dialogo tra immaginazione e percezione, tra equilibri e instabilità come tra visibile e invisibile, presenza e assenza. Una visione e rappresentazione della realtà del mare e della vita che lo popola e circonda attraverso chiavi di lettura diverse ma complementari: un caleidoscopio di spigolature e smussature, alla ricerca dell'anima e armonia comune. Rispettando il perenne movimento tra alte maree e calme piatte, il pensiero si dirige al concetto di crisi - nell'accezione di continua trasformazione - grazie all'utilizzo di immagini metaforiche, esemplari della memoria e identità culturale individuale e collettiva.

EVENTI DELLA MOSTRA

GIOVEDÌ 06 FEBBRAIO 2020, ore 18-19.30
Poetry Reading di e con Paola Casulli

GIOVEDÌ 13 FEBBRAIO 2020, ore 18-19.30
Proiezione
MOVIMENTO di Armando Ceste
lL FUOCO NELLA FORESTA di Nicola Moruzzi
Presentazione di Emergency Programma Italia

GIOVEDÌ 20 FEBBRAIO 2020, ORE 18-19.30
Presentazione del libro
CERCAVO LA FINE DEL MARE
Incontro con l'autrice Martina Castigliani

GIOVEDÌ 27 FEBBRAIO 2020, ore 18-19.30
FINISSAGE della mostra
ONDE: Concerto benefit con il trio Gambino, Gianoglio, Leone

RIF. GRUPPO DI TORINO

Gio 27 Feb 2020
h. 18:00-19:30
Onde. Concerto benefit con il trio Gambino, Gianoglio, Leone.
Emergency Infopoint, Corso Valdocco 3

FINISSAGE della mostra Rovi di mare. Visioni di un orizzonte in bilico.
ONDE: Concerto benefit.
Paolo Gambino - flauto, Simone Gianoglio - violoncello, Paolo Leone - pianoforte

Programma:

Carl REINECKE (Altona, 1824 - Lipsia, 1910)
Trio nr. 2 op.159 per flauto, violoncello e pianoforte
Allegro molto
Andantino
Finale - Allegretto

Carl Maria von WEBER (Eutin, 1786 - London, 1826)
Trio op.36 in sol minore per flauto, violoncello e pianoforte
Allegro moderato
Allegro vivace
Schäfers Klage - Andante espressivo
Allegro



Carl REINECKE, Trio nr. 2 op.159 per flauto, violoncello e pianoforte
''Non bisogna dimenticare quanto questi trii siano belli. Pur di relativa semplicità di ascolto e perfetti per trii di dilettanti non devono essere sottovalutati da professionisti che vogliano aggiungere lavori schumanniani al proprio repertorio classico'', ha scritto il Chamber Music Journal.
Oggi Carl Reinecke è stato completamente ed ingiustamente dimenticato ma fu un artista che eccelse in tutti i campi musicali: formatosi con Schumann e Mendelssohn, fu concertista, uno dei migliori pianisti della propria epoca, e come compositore produsse lavori molto eseguiti in campo operistico, orchestrale, e cameristico. Come direttore d'orchestra diresse per oltre trent'anni la Gewandhaus Orchestra di Lipsia; fu un ottimo insegnante di pianoforte, direzione d'orchestra e composizione, maestro, tra gli altri, di Grieg, Bruch e Janacek.
Nel primo tempo in forma sonata, un primo tema assertivo in mi minore incontra un tema in sol maggiore più ritmico ed onirico. Il secondo movimento rasserena l'ascoltatore con tenui melodie che si adagiano su un accompagnamento ritmicamente scandito dal pianoforte prima con quartine e poi sestine di crome e che preparano l'allegretto finale durante il quale si completa la transizione al ritmo ternario e alla tonalità maggiore.
Carl Maria von WEBER, Trio op. 63 in sol minore per flauto, violoncello e pianoforte
Il Trio op. 63 fu completato nel luglio del 1819, mentre Weber trascorreva una vacanza nella campagna di Pillnitz: l'opera riflette il periodo di agreste serenità nell'ispirazione pastorale che in vari modi ne pervade i quattro tempi, nell'ariosità della scrittura strumentale e nella luminosa trasparenza del suo colore timbrico. Il lavoro è considerato il migliore dei pochissimi lasciatici nel genere cameristico da Weber e composti nello spirito dei Divertimenti mozartiani, con i quali hanno in comune l'elegante spigliatezza, la briosa vitalità ritmica ed espressiva, la versatilità delle trovate.
Nel 1814 Weber aveva composto un «Andante con variazioni» per violoncello e pianoforte per il dr. Jungh, violoncellista dilettante, al quale dedicherà nel 1819 l'opera definitiva. L'anno seguente aveva rielaborato l'Andante col titolo di «Schäfers Klage» per flauto, ad istanza di Caspar e Anton Furstenau, padre e figlio virtuosi di flauto, di passaggio a Praga.
Il primo movimento mette alternativamente in risalto i tre strumenti in un brano dall'espressività sobria e dalla scrittura chiara. Il successivo Scherzo anticipa nella prima parte, in minore, una certa ritmica schumanniana e stilizza nella seconda, in maggiore, gli andamenti di una danza campagnola. Nell'Andante espressivo, sottotitolato appunto «Schäfers Klage» (Lamento del pastore) si accentua il carattere bucolico. I temi del Finale, intrecciati contrappuntisticamente, hanno delle analogie con alcuni motivi del «Der Freischütz» (Il franco cacciatore, Singspiel in tre atti su libretto di Johann Friedrich Kind che è dello stesso anno del «Trio»), ed uno di essi ricorda chiaramente la canzone bacchica di Kaspar del primo atto dell'opera.

Paolo Gambino
Diplomatosi in flauto traverso al Conservatorio Giuseppe Verdi di Torino, ha poi continuato gli studi alla Scuola di Alto Perfezionamento Musicale di Saluzzo sotto la guida, tra gli altri, di Andras Adorjan e Alain Marion.
Ha suonato nell'orchestra della Scuola di Alto Perfezionamento e nell'Orchestra Sinfonica Nazionale della RAI di Torino.
Appassionato di musica barocca e delle esecuzioni filologiche, affianca i concerti con lo strumento moderno tradizionale a quelli col flauto traversière in legno ed ha collaborato con diversi gruppi strumentali barocchi tra cui il Collegium Quantz.

Simone Gianoglio
Iniziati gli studi di violoncello con R. Brancaleon al Conservatorio G.Verdi di Torino, si è diplomato con il M° P. Nava presso il Conservatorio Musicale G.Frescobaldi di Ferrara. Ha conseguito la laurea in Fisica all'Università di Torino con una tesi sulla tecnica di Olografia acustica applicata agli strumenti a corda, sviluppata all'Istituto Elettrotecnico Nazionale Galileo Ferraris di Torino. Ha suonato come spalla in vari complessi orchestrali tra i quali l'Accademia Musicale Ghedini di Fossano e il Concerto Italiano di Torino esibendosi in varie rassegne quali le Estati Fossanesi e i Concerti di Villa Gualino; ha inoltre collaborato con i gruppi strumentali barocchi Collegium Quantz e l'Ensemble Baroque.
La sua professione lo ha portato a vivere e suonare in Turchia, Svezia e, dal 2006 al 2010, in Cina dove ha formato lo Shanghai International String Quartet (esibitosi in prestigiosi teatri cittadini, quali la Shanghai Symphony Orchestra Recital Hall, lo SAS Performing Arts Theatre ed lo Shanghai International Community Theatre) ed ha collaborato con l'orchestra e coro Shanghai Voices, con i quali nell'agosto del 2010 ha suonato nella Red Hall del Shanghai Expo 2010.
Con Paolo Leone e Claudio Gazzera suona nella formazione cameristica MozArtisti che ha propone in collaborazione con l'associazione Omosonia, concerti di musica classica in diversi ambiti.

Paolo Leone
Si è diplomato in Organo e Composizione organistica con il M° M. Pappagallo presso il Conservatorio Musicale G.Verdi di Torino.
Ha partecipato a Masterclass di interpretazione organistica tenute da docenti di fama internazionale quali Ludger Lohmann (Musikhochschule di Stuttgart) e Louis Robilliard (professore emerito di organo presso il Conservatoire National de Region de Lyon) ed è socio fondatore di ASPOR Piemonte, Associazione per lo sviluppo del patrimonio organistico della Regione Piemonte.
Collabora con varie formazioni cameristiche e vocali: con la soprano Maria Rosa Bersanetti nel repertorio di Lieder e romanze dell'800, in trio e in quartetto con un vasto programma di musiche che va dal '600 di Vivaldi al '700 di Mozart e Haydn fino alla fine dell'800 con Reger e Debussy. Si è esibito in diverse rassegne concertistiche: a Rapallo per Musica intorno al presepe, a Ventimiglia per la rassegna dedicata agli Antichi organi, a Civitanova Marche per Suoni e colori dell'Organo; accompagna regolarmente le esibizioni dei Cantores Egidii ed è membro attivo dei MozArtisti.
Con Simone Gianoglio, Fabrizio Bumbaca e successivamente Paolo Gambino ha condiviso una ormai ventennale esperienza col gruppo cameristico I musicanti del villaggio, che ha proposto un repertorio estremamente vario in numerose performances.



RIF. GRUPPO DI TORINO

Mar 3 Mar 2020
h. 18:30
YOGA DELLA RISATA: strumento di pace
Infopoint Emergency Torino: Corso Valdocco 3 - Torino

La metodologia Laughter Yoga è basata su una combinazione di esercizi di respirazione profonda derivati dalla pratica Yoga e di esercizi che servono a stimolare la Risata, insieme ossigenano corpo e cervello donandoci una nuova condizione di ''Star Bene''. Il gruppo che si forma è costituito da persone che spesso s'incontrano per la prima volta e che, anche solo per un'ora, possono stabilire una relazione di condivisione e di serenità. E poi magari ci si incontra nuovamente il mese successivo...
VIENI A VIVERNE TUTTI I BENEFICI E SCOPRIRE LO SPIRITO INTERIORE DELLA RISATA.

Offerta libera
POSTI LIMITATI (Numero massimo partecipanti: 30)
Necessaria prenotazione allo 011.454.64.56 - prenotazioni@emergencypiemonte.it

Docente: Alessandro Benetti
Life Skills Trainer, Personal Coach, Teacher Laughter Yoga University.
Nel 2008 ha fondato il centro medico fisioterapico Alchemia. Ideatore del percorso
di formazione e crescita LI.FE Liberamente Felice.
www.alessandrobenetti.com

RIF. GRUPPO DI TORINO

Lun 9 Mar 2020
19:30
YOGA CON EMERGENCY - Sii come vuoi che il mondo sia
YOGA CON EMERGENCY - Sii come vuoi che il mondo sia
Infopoint Emergency Torino: Corso Valdocco 3 - Torino

«In un mondo sempre più interconnesso, pensare di trincerarci dietro a muri e conflitti, è anacronistico, ed è già costato milioni di vite. Dobbiamo riuscire a vivere con gli altri ''in spirito di fratellanza'', non possiamo ignorare le sofferenze dei più deboli e dei più poveri. Non è negando diritti ad altre persone che riusciremo a difendere i nostri» (Gino Strada).
Prendendo spunto da queste parole di Gino Strada e dopo l'ultima edizione di Torino Spiritualità 2018 continua la collaborazione fra un gruppo di insegnanti yoga ed Emergency con la proposta di un incontro mensile di pratica yoga presso l'Infopoint Emergency.
Come insegnanti yoga crediamo sia importante sostenere l'attività di organizzazioni che promuovono la fratellanza e la pace con azioni di cura, di solidarietà e di sostegno alle popolazioni in guerra e in condizioni di povertà. Coltivare la pace interiore è la proposta della pratica Yoga per dare voce allo spirito di rivolta che anziché promuovere un comportamento cinico e indifferente può fare dell?individuo il vettore di trasformazione della storia e della società come portatore di fratellanza e di pace. La scienza dello Yoga non può essere limitata unicamente a qualche esercizio fisico e di concentrazione, è invece il sentiero della rivoluzione interiore che converte l'essere umano da separato e frammentato a completo, interconnesso e unito con tutti gli altri esseri e con il mondo.
Come diceva Gandhi ''Sii come vuoi che il mondo sia'', per questo ci siamo e diciamo si alla pace attraverso la pratica yoga.

Pratica condotta da Gaetana Lamensa Sw. Bhaktibavana

Abbigliamento comodo e materassino personale
Offerta libera
Necessaria la prenotazione allo 011.454.64.56 - prenotazioni@emergencypiemonte.it
numero massimo partecipanti: 20

RIF. GRUPPO DI TORINO

Lun 23 Mar 2020
h. 18:30
Training autogeno con Emergency
Emergency Infopoint Torino - Corso Valdocco 3.
Le sedute intendono far sperimentare gli esercizi inferiori del Training Autogeno ideato da J.H.Schultz ( esercizi del peso, del calore, del plesso solare, del ritmo cardiaco, del ritmo respiratorio e della fronte fresca) dopo una breve spiegazione del Training stesso e dei suoi elementi fondanti.
Questo rilassamento, se praticato costantenente, mette le persone nella possibilità di gestire momenti di recupero energetico, di distanziamento dalle preoccupazioni quotidiane, di positiva introversione con ascolto del proprio corpo e delle sue risorse. Il Training Autogeno è una tecnica di autogestione di ansie di moderata entità e fornisce un aiuto nei disturbi di origine psicosomatica.

Anna Piantanida è una psicologa psicoterapeuta con una formazione specifica nelle psicoterapie di rilassamento , formazione acquisita presso la Scuola Superione di Formazione in Psicoterapia di Cremona con tesi dal titolo '' Il Training Autogeno nella Scuola superiore'' nel 1985 e con esperienze specifiche in questa pratica sia in ambito privato che pubblico.

Per i partecipanti sono necessari uno stuoino su cui distendersi, è consigliabile una copertina per evitare sensazioni di freddo dato che il rilassamento avviene in uno stato di staticità.


RIF. GRUPPO DI TORINO

Mer 25 Mar 2020
h. 11.00-13.00
Incontri nella scuola Secondaria di II grado


Incontro presso l'aula magna del liceo classico ''V. Alfieri'' di Torino .
Durante il ciclo di conferenze a tema ''Guerra e migrazione nel 2020, nuova sfida o ricorso nella storia?'', Alberto Adducci e Giulia Minelli parleranno della loro esperienza con Emergency e del tema Migrazione.

Referente: Chiara Manueddu 3497406191

RIF. GRUPPO DI TORINO

Lun 6 Apr 2020
19:30
YOGA CON EMERGENCY - Sii come vuoi che il mondo sia
YOGA CON EMERGENCY - Sii come vuoi che il mondo sia
Infopoint Emergency Torino: Corso Valdocco 3 - Torino

«In un mondo sempre più interconnesso, pensare di trincerarci dietro a muri e conflitti, è anacronistico, ed è già costato milioni di vite. Dobbiamo riuscire a vivere con gli altri ''in spirito di fratellanza'', non possiamo ignorare le sofferenze dei più deboli e dei più poveri. Non è negando diritti ad altre persone che riusciremo a difendere i nostri» (Gino Strada).
Prendendo spunto da queste parole di Gino Strada e dopo l'ultima edizione di Torino Spiritualità 2018 continua la collaborazione fra un gruppo di insegnanti yoga ed Emergency con la proposta di un incontro mensile di pratica yoga presso l'Infopoint Emergency.
Come insegnanti yoga crediamo sia importante sostenere l'attività di organizzazioni che promuovono la fratellanza e la pace con azioni di cura, di solidarietà e di sostegno alle popolazioni in guerra e in condizioni di povertà. Coltivare la pace interiore è la proposta della pratica Yoga per dare voce allo spirito di rivolta che anziché promuovere un comportamento cinico e indifferente può fare dell?individuo il vettore di trasformazione della storia e della società come portatore di fratellanza e di pace. La scienza dello Yoga non può essere limitata unicamente a qualche esercizio fisico e di concentrazione, è invece il sentiero della rivoluzione interiore che converte l'essere umano da separato e frammentato a completo, interconnesso e unito con tutti gli altri esseri e con il mondo.
Come diceva Gandhi ''Sii come vuoi che il mondo sia'', per questo ci siamo e diciamo si alla pace attraverso la pratica yoga.

Pratica condotta da Enrica Colombo

Abbigliamento comodo e materassino personale
Offerta libera
Necessaria la prenotazione allo 011.454.64.56 - prenotazioni@emergencypiemonte.it
numero massimo partecipanti: 20

RIF. GRUPPO DI TORINO

Mar 7 Apr 2020
h. 18:30
YOGA DELLA RISATA: strumento di pace
Infopoint Emergency Torino: Corso Valdocco 3 - Torino

La metodologia Laughter Yoga è basata su una combinazione di esercizi di respirazione profonda derivati dalla pratica Yoga e di esercizi che servono a stimolare la Risata, insieme ossigenano corpo e cervello donandoci una nuova condizione di ''Star Bene''. Il gruppo che si forma è costituito da persone che spesso s'incontrano per la prima volta e che, anche solo per un'ora, possono stabilire una relazione di condivisione e di serenità. E poi magari ci si incontra nuovamente il mese successivo...
VIENI A VIVERNE TUTTI I BENEFICI E SCOPRIRE LO SPIRITO INTERIORE DELLA RISATA.

Offerta libera
POSTI LIMITATI (Numero massimo partecipanti: 30)
Necessaria prenotazione allo 011.454.64.56 - prenotazioni@emergencypiemonte.it

Docente: Alessandro Benetti
Life Skills Trainer, Personal Coach, Teacher Laughter Yoga University.
Nel 2008 ha fondato il centro medico fisioterapico Alchemia. Ideatore del percorso
di formazione e crescita LI.FE Liberamente Felice.
www.alessandrobenetti.com

RIF. GRUPPO DI TORINO

Lun 20 Apr 2020
h. 18:30
Training autogeno con Emergency
Emergency Infopoint Torino - Corso Valdocco 3.
Le sedute intendono far sperimentare gli esercizi inferiori del Training Autogeno ideato da J.H.Schultz ( esercizi del peso, del calore, del plesso solare, del ritmo cardiaco, del ritmo respiratorio e della fronte fresca) dopo una breve spiegazione del Training stesso e dei suoi elementi fondanti.
Questo rilassamento, se praticato costantenente, mette le persone nella possibilità di gestire momenti di recupero energetico, di distanziamento dalle preoccupazioni quotidiane, di positiva introversione con ascolto del proprio corpo e delle sue risorse. Il Training Autogeno è una tecnica di autogestione di ansie di moderata entità e fornisce un aiuto nei disturbi di origine psicosomatica.

Anna Piantanida è una psicologa psicoterapeuta con una formazione specifica nelle psicoterapie di rilassamento , formazione acquisita presso la Scuola Superione di Formazione in Psicoterapia di Cremona con tesi dal titolo '' Il Training Autogeno nella Scuola superiore'' nel 1985 e con esperienze specifiche in questa pratica sia in ambito privato che pubblico.

Per i partecipanti sono necessari uno stuoino su cui distendersi, è consigliabile una copertina per evitare sensazioni di freddo dato che il rilassamento avviene in uno stato di staticità.


RIF. GRUPPO DI TORINO

Mar 5 Mag 2020
h. 18:30
YOGA DELLA RISATA: strumento di pace
Infopoint Emergency Torino: Corso Valdocco 3 - Torino

La metodologia Laughter Yoga è basata su una combinazione di esercizi di respirazione profonda derivati dalla pratica Yoga e di esercizi che servono a stimolare la Risata, insieme ossigenano corpo e cervello donandoci una nuova condizione di ''Star Bene''. Il gruppo che si forma è costituito da persone che spesso s'incontrano per la prima volta e che, anche solo per un'ora, possono stabilire una relazione di condivisione e di serenità. E poi magari ci si incontra nuovamente il mese successivo...
VIENI A VIVERNE TUTTI I BENEFICI E SCOPRIRE LO SPIRITO INTERIORE DELLA RISATA.

Offerta libera
POSTI LIMITATI (Numero massimo partecipanti: 30)
Necessaria prenotazione allo 011.454.64.56 - prenotazioni@emergencypiemonte.it

Docente: Alessandro Benetti
Life Skills Trainer, Personal Coach, Teacher Laughter Yoga University.
Nel 2008 ha fondato il centro medico fisioterapico Alchemia. Ideatore del percorso
di formazione e crescita LI.FE Liberamente Felice.
www.alessandrobenetti.com

RIF. GRUPPO DI TORINO

Lun 11 Mag 2020
19:30
YOGA CON EMERGENCY - Sii come vuoi che il mondo sia
YOGA CON EMERGENCY - Sii come vuoi che il mondo sia
Infopoint Emergency Torino: Corso Valdocco 3 - Torino

«In un mondo sempre più interconnesso, pensare di trincerarci dietro a muri e conflitti, è anacronistico, ed è già costato milioni di vite. Dobbiamo riuscire a vivere con gli altri ''in spirito di fratellanza'', non possiamo ignorare le sofferenze dei più deboli e dei più poveri. Non è negando diritti ad altre persone che riusciremo a difendere i nostri» (Gino Strada).
Prendendo spunto da queste parole di Gino Strada e dopo l'ultima edizione di Torino Spiritualità 2018 continua la collaborazione fra un gruppo di insegnanti yoga ed Emergency con la proposta di un incontro mensile di pratica yoga presso l'Infopoint Emergency.
Come insegnanti yoga crediamo sia importante sostenere l'attività di organizzazioni che promuovono la fratellanza e la pace con azioni di cura, di solidarietà e di sostegno alle popolazioni in guerra e in condizioni di povertà. Coltivare la pace interiore è la proposta della pratica Yoga per dare voce allo spirito di rivolta che anziché promuovere un comportamento cinico e indifferente può fare dell?individuo il vettore di trasformazione della storia e della società come portatore di fratellanza e di pace. La scienza dello Yoga non può essere limitata unicamente a qualche esercizio fisico e di concentrazione, è invece il sentiero della rivoluzione interiore che converte l'essere umano da separato e frammentato a completo, interconnesso e unito con tutti gli altri esseri e con il mondo.
Come diceva Gandhi ''Sii come vuoi che il mondo sia'', per questo ci siamo e diciamo si alla pace attraverso la pratica yoga.

Pratica condotta da Silvia Facciabene

Abbigliamento comodo e materassino personale
Offerta libera
Necessaria la prenotazione allo 011.454.64.56 - prenotazioni@emergencypiemonte.it
numero massimo partecipanti: 20

RIF. GRUPPO DI TORINO

Lun 18 Mag 2020
h. 18:30
Training autogeno con Emergency
Emergency Infopoint Torino - Corso Valdocco 3.
Le sedute intendono far sperimentare gli esercizi inferiori del Training Autogeno ideato da J.H.Schultz ( esercizi del peso, del calore, del plesso solare, del ritmo cardiaco, del ritmo respiratorio e della fronte fresca) dopo una breve spiegazione del Training stesso e dei suoi elementi fondanti.
Questo rilassamento, se praticato costantenente, mette le persone nella possibilità di gestire momenti di recupero energetico, di distanziamento dalle preoccupazioni quotidiane, di positiva introversione con ascolto del proprio corpo e delle sue risorse. Il Training Autogeno è una tecnica di autogestione di ansie di moderata entità e fornisce un aiuto nei disturbi di origine psicosomatica.

Anna Piantanida è una psicologa psicoterapeuta con una formazione specifica nelle psicoterapie di rilassamento , formazione acquisita presso la Scuola Superione di Formazione in Psicoterapia di Cremona con tesi dal titolo '' Il Training Autogeno nella Scuola superiore'' nel 1985 e con esperienze specifiche in questa pratica sia in ambito privato che pubblico.

Per i partecipanti sono necessari uno stuoino su cui distendersi, è consigliabile una copertina per evitare sensazioni di freddo dato che il rilassamento avviene in uno stato di staticità.


RIF. GRUPPO DI TORINO



VERSIONE STAMPABILE
 TORNA ALL'INIZIO