Dom 5 Lug 2020

 HOME PAGE
 infopoint Torino
 CALENDARIO
 INIZIATIVE
 INCONTRI SCUOLA
 COSE FATTE
 CONTATTI
 ALTRI PERCORSI
 MAILING LIST
 AREA RISERVATA 



dettagli ricerca












dai bimbi della scuola Sabin di Rivoli






EMERGENCY Life Support for Civilian War Victims
Associazione umanitaria italiana per la cura e la riabilitazione delle vittime delle guerre e delle mine antiuomo
Coordinamento regionale dei gruppi di Alessandria, Arona, Alba, Biella, Borgosesia, Canavese, Cuneo, Lago d'Orta, Novara, Pinerolo, Santena, Torino, Verbania, Vercelli.



Cari amici e amiche, come avrete letto, abbiamo deciso come associazione di sospendere tutte le attività organizzate dai volontari in Italia finché non passerà questa emergenza sanitaria. Crediamo che in questo momento sia prioritario sostenere tutti i medici, gli infermieri e il personale ospedaliero che sta lavorando senza sosta.

Il modo migliore che abbiamo per farlo è ridurre al massimo le occasioni di contatto, per proteggere le persone e i volontari stessi.

Come Emergency abbiamo messo a disposizione delle autorità sanitarie le competenze di gestione dei malati in caso di epidemie, maturate in Sierra Leone nel 2014 e 2015 durante l’epidemia di Ebola.

Come volontari di Emergency, le nostre attività sono tutte legate al sostegno e alla sensibilizzazione delle persone verso i progetti umanitari che abbiamo in Italia e in altri paesi del mondo: speriamo continuerete a sostenerci attraverso i canali web e social.

Avremo modo di rivederci e abbracciarci presto, riprenderemo le cene, gli spettacoli, gli aperitivi e tutto quello che ci piace fare insieme.

Emergency Torino però vi è vicino anche a distanza! Cercheremo di organizzare iniziative
su piattaforme di teleconferenza, Facebook, Instagram e Youtube.

Seguiteci su Facebook per restare aggiornati.

Abbiamo attivato diversi progetti: a Milano, a Bergamo e a Brescia, e stiamo tenendo i contatti anche con le autorità di alcune altre regioni per capire le necessità di altri interventi.

A Bergamo, una delle province più colpite dall’epidemia, un nostro team medico e logistico è al lavoro presso il presidio ospedaliero in Fiera dell’ospedale Papa Giovanni XXIII. Il nostro team medico, composto a oggi da 10 medici, 14 infermieri, 4 fisioterapisti, 4 OSS, 1 tecnico di laboratorio e 1 tecnico di radiologia, gestisce un reparto di Terapia Intensiva da 12 posti letto. L’équipe logistica e tecnica ha partecipato alla progettazione e all’allestimento del nuovo presidio in Fiera, lavorando fianco a fianco con circa 300 volontari, tra artigiani bergamaschi (carpentieri, elettricisti, cartongessisti, idraulici e imbianchini), 150 volontari della Sanità Alpina e 40 della logistica della Protezione Civile Ana.

A Brescia stiamo lavorando con la Direzione sanitaria dell’ospedale di Brescia per proteggere il personale sanitario e l’ospedale dal contagio.

A Milano. “Milano Aiuta” – progetto “Domiciliarità”. In risposta all’appello fatto dal Comune nell’ambito della piattaforma Milano Aiuta, abbiamo attivato un servizio per le richieste di trasporto di beni (alimentari, farmaci o altri beni di prima necessità) per gli over 65, coloro a cui è stata ordinata la quarantena e le persone fragili a rischio movimento. Monitoraggio nei centri della città dedicati ai senza fissa dimora, nelle strutture per minori stranieri non accompagnati (MSNA), in quelle del sistema Siproimi (ex SPRAR), nei Centri di accoglienza straordinaria (CAS) e in alcuni campi rom segnalati dal Comune di Milano.

Nei nostri progetti in Italia continuiamo a lavorare nei nostri ambulatori in Italia, con un protocollo di triage che permette di individuare pazienti con sintomi compatibili con il virus, di informarli e indirizzarli ai servizi competenti in un’ottica di tutela della salute pubblica.

Sostieni il nostro lavoro

Sappiamo che – nei momenti di crisi soprattutto – è importante non lasciare indietro nessuno.
Vogliamo fare tutto il possibile per dare una mano a superare questo momento e, per farlo,
abbiamo bisogno anche del tuo aiuto.

 

 TORNA ALL'INIZIO